DIVERSITY FOR PEACE!DIVERSITY FOR PEACE!

ARTISTI PARTICIPANTI

Yang YongliangCina

Nato a Shangai nel 1980 Yang Yongliang si è laureato all’Accademia cinese d’arte nel 2003, con specializzazione in comunicazione visiva. Ha iniziato i suoi esperimenti con l’arte contemporanea nel 2005, esplorando l’uso di vari mezzi come la fotografia, la pittura, i video e le installazioni. Yang usa la connessione tra tradizione ed attualità, incorporando estetiche orientali ed antiche credenze con il linguaggio moderno e le tecniche digitali. La sua opera, intesa come una meta narrativa che si ispira alla Storia, al Mito e alla cultura sociale si sviluppa nel contesto della città e del suo paesaggio, sempre in cambiamento. È conosciuto per usare le pennellate come segni architettonici e le sue rappresentazioni di grandi montagne rocciose con dettagli molto meticolosi sono un fedele riferimento alla pittura paesaggistica della Dinastia Song. Lo sviluppo urbano dà prosperità alla città, ma allo stesso tempo imprigiona molte vite. In modo simile, la secolare tradizione culturale cinese, per quanto abbia dato valore alla profondità è rimasta immutata, stagnante. Gli antichi cinesi dipingevano paesaggi, ammirandone la natura grandiosa. Il lavoro di Yang ci porta invece verso una riconsiderazione critica della realtà contemporanea. Per quanto riguarda i mezzi ed i contenuti, un forte senso di post modernismo coesiste con l’estetica tradizionale. Le sue opere sono collezionate in importanti istituti pubblici come il British Museum e il Metropolitan Museum. L’artista vive a Shangai e New York.

Recenti mostre personali (estratti):

2018 “Journey to the Dark” (Whitestone Gallery Taipei, Taipei, Taiwan)
2017 “Time Immemorial” (Matthew Liu Fine Arts, Shanghai, Cina)
2016 “Fall into Oblivion” (Pearl Lam Galleries, Singapore)
2015 “YAN” (Shanghai Gallery of Art, Shanghai) “FT5 Review with Yang Yongliang Film Screening” (Fukuoka Asian Art Museum, Fukuoka, Giappone)
2014 “Yang Yongliang Solo Exhibition” (Sophie Maree Gallery, L’Aia, Paesi Bassi)
2013 “Silent Valley” (MC2 Gallery, Milano, Italia) “The Moonlight” (Galerie Paris-Beijing, Parigi, Francia)
2012 “The Moonlight” (Magda Danysz Galleries, Shanghai)
2011 “The Peach Colony” (Galerie Paris-Beijing, Beijing, CN) “The Peach Blossom Colony” (18 Gallery, Shanghai) “Window 70th: Yang Yongliang” (Gallery Jinsun, Seoul, Corea)
2010 “Heavenly City” (MC2 Gallery, Milano, IT) “Views from Cina: Yang Yongliang and The Modern Metropolis” (Nevada Museum of Art, Reno, Stati Uniti) “Artistic Conception: Landscape” (My Humble House, Taipei) “Heavenly City” (Galerie Paris-Beijing, Parigi) “Artficial Wonderland” (18 Gallery, Shanghai) “Yang Yongliang Solo” (Melbourne Intercultural Fine Art, Melbourne, Australia)

Collezioni (estratti):

  • AiLing Foundation (Shanghai)
  • Allen Memorial Art Museum (Ohio, US)
  • Arendt Art Collection (Kirchberg, Lussemburgo)
  • Bates College Museum of Art (Maine, US)
  • Brooklyn Museum (New York, US)
  • Franks-Suss Collection(Londra, Gran Bretagna)
  • How Art Museum (Shanghai)
  • HSBC Hong Kong (Shanghai)
  • Jordan Schnitzer Museum of Art, University of Oregon (Oregon, US)
  • M+ Sigg Collection (Hong Kong)
  • Metropolitan Museum of Art (NY)
  • Musée de L'homme (Parigi)
  • Museum of Fine Arts, Boston (Boston, US)
  • Nevada Art Museum (Nevada, US)
  • San Francisco Asian Art Museum (San Francisco, US)
  • The British Museum (Londra)
  • The National Gallery of Victoria (Melbourne, AU)
  • The Rare Books Department of the National Library of France (Parigi)
  • The Saatchi Gallery (Londra)
  • White Rabbit Contemporary Chinese Art Collection (Sydney, AU)

ARTIST WORKS

  • image01

    Artificial Wonderland II _Travelers among Mountain and Streams

    2014

    Giclee print on paper

    199.6 × 97.3 cm

  • image02

    Eternal Landscape

    2017

    VR - Headsets

    6minutes 33seconds

https://www.yangyongliang.com/

ARTIST GALLERY

  • image01